Christian Louboutin ha vinto la battaglia delle “suole rosse”

louboutin

Il colore rappresenta il tutto, l'essenza del marchio stesso. È il punto di partenza, il dettaglio che anche lontano un chilometro, non passa inosservato

La suola rossa delle mie scarpe è come un fazzoletto che una donna elegante lascia cadere se ha visto un uomo che la attrae

Ecco perché la suola vermiglia di Christian Louboutin, come afferma lo stilista stesso nella citazione, è unica e inimitabile. O almeno tale deve restare, anche secondo la Corte di Giustizia europea che ne riconosce esclusività e appartenenza.

La guerra delle suole rosse

La lotta per il raggiungimento di questo risultato risale al 2012 quando la società olandese di calzature Van Haren aveva messo in vendita scarpe col tacco a spillo co suola rosso fiammante. Lo stilista francese non aveva visto di buon occhio l’operazione e aveva deciso di contrattaccare, intraprendendo una battaglia legale con l’accusa di contraffazione.

A sostegno dell’accusa c’era il fatto che, secondo il designer delle scarpe di lusso, il segno distintivo delle sue creazioni “non riguarda una forma specifica” ma proprio la scelta del colore rosso: il Pantone 18 1663TP. La Corte di Giustizia Ue gli assegnò infatti la vittoria ma il round non è ancora chiuso: a mettere la parola fine sarà il giudice nazionale dell’Olanda, luogo in cui è stata aperta la causa.

Christian Louboutin però non è nuovo alle battaglie legali

Anche la pelletteria Kesslord si vide citare in tribunale dalla maison francese per la stessa motivazione. Il tribunale di Parigi diede ragione a Louboutin e Kesslord dovette versare la cifra 7.500 euro come risarcimento danni.

Nel 2012 a New York toccò a Yves-Saint Laurent. In questo caso venne riconosciuta una sorta di clausola: le suole rosse non possono essere utilizzate «a meno che il resto della scarpa non fosse dello stesso colore». Total red o nulla.

Il colore in questo caso rappresenta il tutto, l’essenza del marchio stesso. È il punto di partenza, il dettaglio che anche lontano un chilometro, non passa inosservato.