Dopo il Circo Massimo, Laura Pausini punta al Colosseo

laura pausini

Periodo d'oro per la cantante italiana che non solo è diventata ambasciatrice ONU ma ha anche "spaccato" durante il concerto al Circo Massimo

«Il mio saluto a te bellissima #roma. È stato un onore cantare davanti a voi avvolta dal #circomassimo per ben due sere! Questi due concerti sono stati il battesimo del nostro #fattisentireworldtour. Domani mattina partiamo tutti per l’America e il tour proseguirà in Europa (comprese tante date in Italia) da Settembre. Grazie a chi mi dà la forza di credere in me dopo così tanti anni. Non è scontato» scrive un’emozionatissima Laura Pausini sui social.

«Sono emozionata, ma ho meno paura del solito. Sarà l’età. È la prima volta che faccio una cosa così grande senza ansia, evidentemente l’ho smaltita nella settimana che ha preceduto la data zero a Jesolo» aveva scritto poco prima di affrontare la sfida dell’anno: la doppia data al Circo Massimo di Roma, perfetta celebrazione dei suoi venticinque anni di carriera, coronata – in tutti i sensi – dal regalo fattole da alcuni fan: una corona.

Possiamo anche considerare la Pausini come una delle regine della musica italiana. È stata la prima donna a esibirsi a San Siro, a fare tour negli stadi italiani e a conquistare il Circo Massimo.

«Ho fatto San Siro, ora il Circo Massimo. Cosa rimane? Be’, c’è il Colosseo. Sono gli ultimi colpi, bisogna darci dentro». Il Fatti Sentire Worldwide Tour raggiungerà a breve l’America, toccando località come Miami, per poi tornare a settembre in Italia.

Laura ambasciatrice ONU

Non solo musica e hit estive per Laura Pausini, che sta spopolando nelle radio italiane con il nuovo singolo E.STA.A.TE. La cantante italiana è diventata la nuova Goodwill Ambassador del World Food Programme (WFP) dell’agenzia umanitaria ONU che provvede a rifornire di cibo le popolazioni in difficoltà, durante periodi difficili in cui guerre e catastrofi naturali mettono a dura prova i locali.

Un grande onore (e onere) per Laura Pausini che da sempre ha avuto a cuore le cause umanitarie. La cantante non è nuova infatti all’utilizzo delle sue piattaforme social per comunicare e sensibilizzare i fan su temi che spaziano dalle raccolte fondi – ad esempio per i terremoti che hanno devastato l’Italia del Centro – fino alle campagne come #FameZero di cui nel 2015 fu ambassador.

«Sono felicissima di questo nuovo incarico. Il WFP è una realtà molto importante a livello internazionale, e conosco la serietà con cui opera in tutto il mondo. Sono certa che da questa collaborazione nasceranno iniziative straordinarie, che non vedo l’ora di supportare» ha dichiarato la cantante.

Come ha spiegato David Beasley, Direttore Esecutivo del World Food Programme, la scelta è ricaduta proprio sulla cantante italiana, non solo per il curriculum costellato di iniziative benefiche ma anche perché:

«Con la sua straordinaria musica Laura ha la capacità di raggiungere milioni di persone in tutto il mondo: persone di ogni cultura, paese, religione e regione. La sua incredibile voce potrà ora parlare dei più affamati e vulnerabili, e noi del WFP siamo orgogliosi di poter lavorare con lei per conto dei 90 milioni di persone che assistiamo».