Vuoi essere felice? Fai l’albero di Natale!

decorazioni natale felicita

La chiave di volta per la ricerca della felicità arriva direttamente dalla scienza: chi addobba in anticipo la propria casa per il Natale, è più felice

Un po’ di sano – e santo – Natale non ha mai fatto male a nessuno se non a quelli che di spirito natalizio proprio non ne vogliono sentir neanche parlare. Già a settembre, c’è da dire a loro discolpa, siamo bombardati da countdown che segnano l’incombenza di questa festività e pubblicità che suggeriscono, tra un ultimo cono gelato e un raggio di sole,  panettoni in mille salse. Bene, carissimi piccoli Grinch. Sappiate che a far l’albero di Natale e addobbare la casa è tutto di guadagnato!

A dar man forte a tutti quelli che ogni anno partono in largo anticipo con lucine e playlist natalizie scende in campo la scienza: lo spirito natalizio rende le persone più felici. Secondo lo psicologo e fondatore della McKeown Clinic, Steve McKeown, le decorazioni aiuterebbero ad accantonare – se non a dimenticare quasi del tutto – lo stress della vita quotidiana e la routine incombente, facendoci tornare bambini:

«Certo, potrebbero esserci motivi sintomatici alla base dell’ossessione di addobbare casa in anticipo, ma nella maggior parte dei casi si fa per rivivere la magia del Natale: ricordare le emozioni e l’eccitamento di quando eravamo bambini. Addobbare la casa prima del tempo, perciò, moltiplica l’entusiasmo» ha spiegato a Unilaid.

Ma non solo. Secondo uno studio pubblicato sul Journal of Environmental Psychology è qualcosa di contagioso! Decorare l’esterno della propria casa ci farebbe apparire, agli occhi delle altre persone, amichevoli e simpatici. Dulcis in fundo, da non sottovalutare, c’è la componente nostalgica legata al concetto tradizionale di Natale in famiglia, secondo la psicoterapeuta Amy Morin:

«Le feste ci fanno anche tornare in mente bei momenti in cui erano ancora con noi persone alle quali eravamo molto legati: una semplice decorazione può aiutarci a riviverli e a sentirli più vicini».

Provare per credere!