Il Papa di Sorrentino diventa “nuovo”: arriva The New Pope

the new pope sorrentino

Sky e Hbo collaborano assieme per dare vita all'ultimo lavoro di Paolo Sorrentino: The New Pope, ambiento in Vaticano. Jude Law sarà ancora Lenny Belardo?

Il Vaticano affascina, divide e unisce. Sarà per questo che la nuova fatica del regista premio Oscar Paolo Sorrentino non cambia ambientazione e sceglie la Santa Sede per la seconda volta.

La serie

Entro la fine del prossimo anno – nel 2018 – prende il via la produzione di The New Pope, la seconda serie tv ideata e diretta da Sorrentino. La sceneggiatura sarà un’originale Sky-Hbo, scritta dallo stesso Sorrentino in collaborazione con Umberto Contarello, prodotta da Lorenzo Mieli e Mario Gianani – per Wildside – co-prodotta da Mediapro e distribuita a livello internazionale da FremantleMedia International.

Il casting

Il casting per il ruolo del nuovo Papa e per gli altri personaggi è appena cominciato ma già, come suggerisce il titolo, c’è aria di novità: aria di nuovo. Non si tratta infatti – come molti pensano – della seconda stagione di The Young Pope ma di un progetto completamente diverso, nuovo di zecca per l’appunto. Così come The Young Pope, anche The New Pope sarà incentrata sulla figura di un Papa e avrà come sfondo la cornice del Vaticano ma, attenzione, è ancora un mistero la presenza e il ruolo di quello che è stato finora il protagonista principale: Jude Law.

L’America incontra l’Italia

L’atmosfera ha convinto e l’ambientazione pure, tanto che The Young Pope ha stregato la critica e il pubblico di tutto il mondo. Per questo Sky-Hbo torna come partner produttivo, puntando a una doppietta a tutto successo. Il progetto nato e ideato in Italia – realizzato da Wildside – in collaborazione con un importante partner americano, è il primo che vede due mondi apparentemente così lontani, stringersi la mano.

La serie The Young Pope – venduta ad oggi in oltre 110 paesi – ha registrato un ottimo debutto di ascolti in America sulla rete Hbo, dove ha superato il successo di alcuni dei titoli delle ultime mini serie trasmesse dall’emittente.

Il Washington Post l’ha definita un’opera stimolante e visivamente sbalorditiva

il New York Times splendida e accattivante

e Variety una struttura narrativa mai vista prima d’ora

The New Pope verrà anch’esso acclamato o sarà un flop totale?