Il funerale-compleanno di Vittorio Sgarbi

sgarbi compleanno

500 invitati tra amici e fan, per festeggiare le 65 candeline dello scrittore critico e showman Vittorio Sgarbi. Il party? Un non-funerale!

500 amici e fan riuniti tutti per lui e solo lui, lo scrittore-critico e showman: Vittorio Sgarbi che al Labirinto di Franco Maria Ricci – vicino a Parma – ha spento le sue 65 candeline. Il commento? «Sono un uomo solo». Tipico sgarbiano.

Tra gli ospiti aleggiano un Vissani con «Fa più casino di chiunque» e un Morgan che si rivolge a Vittorio dicendo: «Mi piace perché è ragionevole, nel senso che ragiona». Da una serata del genere, un film sarebbe d’obbligo.

Inutile dire che la festa di compleanno aveva un titolo, un po’ come le opere d’arte che tanto critica e fa parlare: Diversi Sgarbi. L’evento, al contrario delle aspettative, ha visto un insolito Sgarbi rimanere muto circondato da una platea parlante. Sul palco, volti famosi che pretendono selfie, a ritmo di tamburi zen di un convento di Fidenza – caro a lui e al padrone di casa – e all’abate che lo definisce come una «contemporanea impronta dell’eterno».

sgarbi funerale
Credit immagine: dagospia.com

«È il suo Bar-Mitzvah, la cresima degli ebrei: forse diventa adulto» dice Philippe Daverio

«e pensare che al liceo era carino, e anche ben educato»

«La libertà è la sua maggior prigione» Maria Rita Parsi

è «l’Edipo più riuscito al mondo»

L’atmosfera sfiora il surreale: non potendo essere presente, per forza di cose, al suo funerale, Vittorio ha pensato bene di ricrearlo stendendosi a terra a mo’ di salma davanti a un ritratto in forma di Duca d’Urbino di Piero della Francesca, appena regalatogli. Qui accanto, ce ne sono altri 20 suoi, come soggetto e come proprietà, firmati da buoni nomi moderni, da Tullio Pericoli in poi. La mostra si intitola (e come, se no?) Caro Vittorio.

Un antiquario rivela che di recente si è comperato lettere autografe di un amico di Giacomo Leopardi: «Si eccita solo, ma sempre, davanti alle cose belle: ha come degli orgasmi». «Ogni borgo d’Italia è suo: li conosce uno ad uno».

«Non siamo la sua corte, ma i suoi amici»

«non ci parlavamo più da 23 anni, al massimo qualche insulto indiretto»

«un raduno di alpini»

Un raduno strano ma pieno di affetto.

 

Duetto Sgarbi-Morgan – sgarbi funeral party – Parma

Un post condiviso da @dagocafonal in data: